giovedì 23 febbraio 2012

Pane in cassetta al germe di grano


Questo post ha un solo motivo: proclamare al mondo che possiedo anche io uno stampo a cassetta. Come migliaia se non milioni di altri nel mondo, del resto. Sento il brusio di sorpresa del passante da questo blog… Qualche anno fa mai mi sarebbe venuto in mente che anche io…fare il pane in cassetta…fare il pane in generale…figurati! E invece il pane viene e da oggi pure a forma di parallelepipedo! Scusate questi entusiasmi da bambina…

Seguo la ricetta di Sara Papa, quella che ha presentato qui. Questa volta ho tradito il lievito madre con quello di birra. I tempi di lievitazione si accorciano ma il sapore un pochino ne risente. Se si conosce il gusto del pane a lievitazione naturale, ci si abitua “male” e si avverte la presenza del lievito di birra anche se è in dosi omeopatiche.
Ingredienti:

620 g di farina 0
30 g di germe di grano
390 g di acqua
15 g di lievito di birra (oppure 320 g di lievito madre)
20 g di miele di acacia
30 g di olio extravergine di oliva
12 g di sale

uno stampo per pane in cassetta di cm 35 (o due stampi da plumcake)

Setacciate la farina, mescolatela con il germe di grano, fate una fontana e unite il lievito di birra sciolto nell'acqua tiepida a 23-25 °C. Unite il miele e impastate fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Ad impasto già avviato aggiungere il sale, che ucciderebbe il lievito di birra se messo subito.

Sistemate l’impasto in uno stampo di 35 cm di lunghezza, chiudetelo con il coperchio scorrevole e fatelo lievitare fino a che non raggiunge quasi il bordo dello stampo: circa tre ore, con il lievito di birra. In alternativa potete dividere l'impasto in due parti uguali in stampi classici da plum-cake da 27 cm di lunghezza.

Cuocete il pane in forno caldo a 180 °C per un’ora circa. Sfornate e fate raffreddare su una gratella.

13 commenti:

meris ha detto...

Complimenti! Primo per lo stampo a cassetta.....e poi per il pane che sembra veramente ottimo.Ciao, buona giornata

Margot ha detto...

Allora io faccio outing: non ho uno stampo a cassetta mannaggia a me!Ma promento che appena l'avrò, proverò anche questa ricetta, mi sembra bello bello questo pane!

Nanninanni ha detto...

Bello! Io invece credo di esser l'unico a possedere uno stampo a cassetta di 20 cm appena... ;-)
Ciao!

Francesca ha detto...

@Margot: provvedi subito!!! ;-))
@Nanni: com'è possibile...? corri subito a Pistoia a farne scorta!!!

°Glo83° ha detto...

ecco, dopo aver visto questa meraviglia, mi viene voglia di quello stampo....e la "wish list" si allunga sempre più!!! ;)

Lenia ha detto...

Il tuo pane sembra ottimo!Non posso resistere a pane fatto in casa!Un bacione,carina!

sississima ha detto...

deve essere delizioso questo pane, un abbraccio SILVIA

Nanninanni ha detto...

Ok, tanto un giorno di questi ci devo andare... ;-)
Buon fine settimana!

le ricette di Ninì ha detto...

buono!!!il pane in cassetta,ho provato a farlo anch'io è di bell'aspetto...complimenti ...ti seguo con piacere!!!

Donaflor ha detto...

ho avuto anch'io il tuo stesso entusiasmo quando ho preparato il mio primo pane in cassetta! il pane fatto in casa è senz'altro più buono!
il tuo ha un aspetto squisito!
abbracci

Simona Mastantuono ha detto...

davvero splendido chissà che bontà

Luna - Pizza Fichi e Zighini ha detto...

No ecco, allora visto che siamo in ballo, mi confesso pure io: non possiedo uno stampo a cassetta (a meno che non possa essere considerato tale pure quello leggermente più stretto sulla base che serve per fare il plumcake) ma, soprattutto, non ho mai provato a fare il pane in casa! Di nessun tipo! Ecco, mo' l'ho detto!!
E se verrò radiata dall'albo (dei foodbloggers), scomunicata, emarginata, ecc sarà solo colpa di questo bellissimo pane che vedo e che m'ha portata a fare queste scottanti rivelazioni sul mio conto...vedi un po' tu.
Bravissima Fra!!
baci, buona settimana!

Francesca ha detto...

@Luna: giammai!!! che anzi le mie "prodezze" panificatorie ti siano d'ispirazione... Intanto ti comunico che nel mio frigo giace una bellissima coda mucchina: la ricetta, come ben sai, ce l'ho! Baci